Diamo voce al pensiero dei bambini

“Parlo a nome di quei bambini che non possono parlare per se stessi, bambini che non hanno niente altro che il loro coraggio e i loro sorrisi, la loro intelligenza e i loro sogni”
AUDREY HEPBURN

esploratore

Tutti noi nasciamo con un temperamento. Ci sono bambini tranquilli, irrequieti, iperattivi, più o meno collerici, pazienti, curiosi o indifferenti. Questi tratti genetici, sono la matrice originaria su cui si costruisce il carattere e la personalità.

Le caratteristiche di un bambino potrebbero essere molto diverse da quelle dei suoi genitori e potrebbe essere difficile per loro accettarle e gestirle, a volte potrebbero anche tentare di cambiare il bambino per renderlo un po’ più somigliante a loro. Il bambino invece ha bisogno di prendere confidenza con se stesso, di imparare a gestire il suo modo di essere e sentire, orgoglioso della sua originalità. Questo lo renderà sicuro, indipendente e capace di badare a se stesso.

Spesso i comportamenti di bambini, anche molto piccoli, esprimono una visione del mondo, un progetto o semplicemente uno stile di vita. Parliamo con questi bambini, facciamoci raccontare cosa pensano e cosa desiderano e non sminuiamo le loro idee, anche se ci sembrano assurde, inutili, sbagliate.

Dobbiamo sapere, infatti che ognuno di noi ha preso le decisioni importanti della propria vita tra i sei e sette anni. Vi sembra incredibile? Provare a pensare a voi bambini, andate indietro nel tempo, ritrovate il bimbo e la bimba che eravate… lasciate che riaffiori il ricordo di come guardavate il mondo degli adulti, di come immaginavate di poterne fare parte, di cosa volevate fare da grande. Quanto c’è nella vostra vita di adulto del progetto di quel bambino?

Se il vostro bambino immagina un mondo impossibile e vorreste ricondurlo alla realtà, trattenetevi dal farlo perché è probabile che lui stia vedendo un futuro che voi, semplicemente, non siete in grado di vedere.

Diamo voce al pensiero dei bambini

Tagged on:                                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *